logo
Il nostro show-room Arredo3, è pensato per farti vedere l’intera gamma di prodotti, declinata in più soluzioni, dalla cucina lineare a quella per spazi importanti.
Siamo gli unici a disporre di un’area virtuale a realtà aumenta, dove potrai realmente immergenti nella tua cucina, camminando esattamente come se fosse reale.

Blog

Atelier Cucine / Articles  / Piano cottura a gas o a induzione, quale scegliere
Piano cottura induzione

Piano cottura a gas o a induzione, quale scegliere

Meglio un piano cottura a induzione o un tradizionale piano cottura a gas? Quale scegliere? I pro e i contro dei due sistemi.

Oggi affrontiamo un dilemma amletico che affligge tutte le persone che si apprestano ad acquistare un nuovo piano cottura: meglio quello a gas o quello a induzione? Quale scegliere?

Piano cottura a induzione: come funziona

Il piano cottura ad induzione sfrutta l’energia elettrica per riscaldare i fuochi. Scegliere questo sistema significa di fatto rinunciare al gas. Questi fornelli, nel dettaglio, funzionano grazie alle bobine che generano un campo elettromagnetico. In questo modo le pentole si scaldano in tempi rapidi e in maniera uniforme, in quanto il fuoco sul quale mettiamo la pentola si scalda in maniera omogenea.

I pro e i contro

Questo sistema ha dei pro e dei contro che non possiamo ignorare quando valutiamo l’acquisto di un nuovo piano cottura.

Tra i vantaggi non possiamo non fare riferimento al rispetto per l’ambiente. Come abbiamo visto, infatti, il piano cottura a induzione sfrutta l’energia elettrica, quindi energia pulita. Le cucine tradizionali invece funzionano grazie ai combustibili fossili, che invece hanno un impatto significativo sull’ambiente.

Il secondo vantaggio degno di nota è rappresentato senza ombra di dubbio dai tempi. Un esempio su tutti. Per portare l’acqua al punto di ebollizione bastano due minuti. Questo ha un duplice effetto positivo. Da una parte si dimezza il tempo delle preparazioni, dall’altra diminuiscono i consumi.

Un altro punto a favore è rappresentato dal fatto che si tratta di sistemi semplici da gestire. Il piano cottura a induzione è semplice da pulire e non richiede particolari sforzi. Banalmente, basta passare sulla superficie un panno adatto o una spugna. Sempre per quanto riguarda la pulizia, è difficile che su questi piani si debbano fare i conti con il problema delle incrostazioni.

Tra i pro non possiamo inoltre non parlare della sicurezza. Sul piano cottura a induzione, la zona che si trova intorno a quella di cottura resta a basse temperature. Tradotto, il rischio di bruciarsi è minimo.

Analizziamo ora i principali svantaggi. La superficie del piano cottura a induzione è fatta in vetroceramica, un materiale semplice da gestire ma particolarmente delicato, che potrebbe graffiarsi e rovinarsi con l’uso.

Tra i contro troviamo i prezzi. Al momento questa soluzione viaggia su costi ancora elevati. È possibile ammortizzare la spesa iniziale grazie al risparmio energetico, ma la spesa iniziale non è alla portata di tutti a meno che non si trovino buone soluzioni per la rateizzazione.

Un altro elemento a sfavore è quello relativo alle pentole. Per questi piani è necessario utilizzare pentole specifiche, fatte in ferro o acciaio e con fondo piatto.

Piano cottura a induzione: i consumi

Attenzione ai consumi. In linea teorica questi piani cottura assicurano un risparmio in bolletta ma i consumi effettivi dipendono dall’uso. Bisogna considerare infatti che ogni fornello consuma dai 1.200 ai 2.500 W. Questo significa che un piano cottura a quattro fornelli, se questi sono attivi contemporaneamente, necessita di 6 kW circa. Parliamo di una potenza che non è supportata da un contatore standard. In sintesi, i consumi del piano cottura a induzione potrebbero essere più elevati rispetto a quelli del piano cottura tradizionale a gas.

Piano cottura a gas o a induzione, quale scegliere

Riassumendo, i piani cottura a gas hanno un costo più elevato rispetto a quelli tradizionali e potrebbero richiedere una modifica al contatore di casa per aumentare la potenza. Il piano cottura a gas è più economico ma potrebbe avere ripercussioni sulla bolletta. Inoltre si tratta di piani più difficili da gestire almeno per quanto riguarda la pulizia. Per quanto riguarda il design, il piano cottura a induzione è sicuramente più moderno e accattivante. Ma questo non si sposa necessariamente con le esigenze dell’acquirente, che invece potrebbe preferire un design più tradizionale.

In linea generale possiamo dire che il piano cottura a induzione è consigliabile per nuclei familiari numerosi e con bambini. Come visto si tratta di sistemi molto più sicuri rispetto a quelli a gas. Nella scelta finale tenete conto dei costi dell’energia e valutate se vi conviene consumare più gas o più elettricità. Questo dipende dal contratto stipulato con i fornitori di energia.

Contatta Atelier Cucine per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.